Il Blog di Droghe Palma - Droghe Palma Commerciale Srl

I migliori prodotti alimentari selezionati per voi, provenienti da ogni parte del mondo.
Droghe Palma Commerciale srl
Vai ai contenuti

Pepe nero

Droghe Palma Commerciale Srl
Pubblicato da in Piante aromatiche · 31 Gennaio 2020
Tags: Pepenero
  
Caratteristiche del Pepe Nero

Il pepe nero è una delle spezie più utilizzate nella cucina europea: il suo sapore aromatico e piccantino esalta la sapidità dei piatti, e rende decisamente saporito ogni alimento. Anche per questo motivo, è definito il "re delle spezie". La sua particolarità risiede nelle caratteristiche che lo contraddistinguono dalle altre spezie, e nel processo di lavorazione che subisce per poter essere sapientemente consumato. Appartiene ad una pianta della famiglia delle Piperaceae, originaria dell'India, il Piper Nigrum. Da questa pianta si ricavano i frutti acerbi che, una volta raccolti, sbollentati ed essiccati per più giorni, si trasformano nei comuni grani di pepe nero. Il processo di essiccazione è indispensabile per disidratarli e conferire l' aspetto rugoso ed annerito. Lavorando questi frutti in modo diverso è possibile ricavare anche il pepe verde ed il pepe bianco.

Il Pepe Nero in cucina

Grazie al suo aroma pungente ed avvolgente, il pepe nero è utilizzato per insaporire gran parte dei piatti della tradizione. Il suo carattere deciso conferisce al cibo un sapore caratteristico, un tocco ineguagliabile ai primi piatti, all'arrosto, al pesce, alle verdure. Sempre più ricercato il suo uso per arricchire insalate, frutta e dolci preparazioni.

Come scegliere e conservare il Pepe Nero

Il pepe nero è disponibile sia in grani che macinato. La polvere ha un odore molto forte, e va conservata in un contenitore ermetico, lontano da luce e fonti di calore. I grani racchiudono tutto il sapore della spezia, che verrà sprigionato al momento della macinatura. Anche i grani vanno correttamente conservati per preservare freschezza e fragranza.

Benefici del Pepe Nero

Questa spezia, oltre all'uso versatile in cucina, è in grado di apportare enormi benefici all'organismo (la medicina Ayurveda lo classifica come rimedio insostituibile per alcune patologie). É utile nel processo di termogenesi, per facilitare il metabolismo basale, e favorire di conseguenza il consumo di calorie; è un ottimo alleato della digestione; funge da antisettico e da espettorante, da rimedio naturale contro i dolori muscolari e le contusioni. Oltretutto, contiene due sostanze preziose per il benessere psicofisico: la piperina ed il vanadio. L'alcaloide piperina contenuto al suo interno rende la spezia stimolante e tonica, utile per contrastare le fatiche mentali; il vanadio, un minerale di cui la spezia è ricca, è molto importante per il metabolismo cellulare, per l'assorbimento di alcune sostanze fondamentali.

Profilo Nutrizionale

Eccellente, inoltre, il suo profilo nutrizionale: 100 grammi di pepe nero apportano circa 251 Kcal, una significativa presenza di proteine (10,39 grammi), e di fibra alimentare (25,3 grammi). Il suo particolare sapore è tutto racchiuso nella polpa, ricca di terpene, sabinene, pinene, limonene e linalool, aromi che sprigionano profumi di fiori, legno e limone.

Storia e Geografia del Pepe Nero

Non stupisce che per tutti questi motivi, il pepe nero sia stato, sin dall'antichità, dall'Oriente all'Italia, all'Egitto, sinonimo di ricchezza. Non solo perchè ha rappresentato una redditizia merce di scambio, ma anche e soprattutto per le sue intrinseche peculiarità. Oggi, i principali produttori di pepe nero sono il Vietnam, l'Indonesia, l'India, la Malesia, il Brasile, lo Sri Lanka, la Thailandia e la Cina.




Nessun commento

Droghe Palma Commerciale Srl
Via Masotti 84-86
31032 Casale sul Sile (TV)
P.Iva 04381600263
Orari di apertura
Dal Lunedi al venerdi:
08:00 - 12:00 e 14:00 - 17:00
Sabato e domenica chiuso.
Contatti:
Telefono  +39 0422 702508
Whatsapp  inviamessaggio
Fax +39 0422 1622066
Line
Line
Seguici anche su:
Compensiamo la Co2 generata dalla gestione di questo sito piantando nuovi alberi.
Verifica quanti alberi abbiamo piantato finora:
Torna ai contenuti